venerdì 21 luglio 2017

Idoneità statica volontaria?

Pare che il governo provi a introdurre il certificato di idoneità statica come norma inizialmente volontaria: questa è la fonte della notizia.

Il nostro parere è qui.

mercoledì 12 luglio 2017

Obbligo di sorveglianza sanitaria per i custodi? ATS Milano risponde


Dal seminario "Prevenzione in condominio e nella proprietà immobiliare" organizzato dal Comune di Milano, presenti ATS e ANACI Lombardia, l'intervento dell'ATS Milano sulla sorveglianza sanitaria mai obbligatoria per i custodi soggetti al CCNL dei proprietari di fabbricati.

lunedì 10 luglio 2017

Crolli (e) certificati



RASSEGNA STAMPA – Crolla un condominio a Torre Annunziata, otto morti.
L’8 luglio La Repubblica pubblica un pezzo molto duro di Sergio Rizzo, che polemizza con l’esultanza di Confedilizia, qualche mese fa, alla bocciatura di un emendamento che voleva introdurre a livello nazionale il fascicolo del fabbricato. La resistenza dei proprietari, secondo l’autorevole giornalista, sarebbe dovuta – più che ai costi del “libretto casa” – alla volontà di non far emergere precarietà statiche che deprezzerebbero gli immobili esaminati.
Nel giro di alcune ore Confedilizia risponde con un comunicato, altrettanto duro,

giovedì 29 giugno 2017

Il nuovo lavoro occasionale

Vigente la nuova normativa sul lavoro occasionale, art.54-bis della legge 96/2017.
Il comma 3 di questo articolo richiede per la sicurezza del lavoratore l'applicazione dell'art.3 comma 8 del d.lgs. 81/2008, così equiparando il prestatore occasionale a lavoratore autonomo.

giovedì 1 giugno 2017

Disponibile testo aggiornato del d.lgs. 81/08


Il file in pdf del d.lgs. 81/08 aggiornato a maggio 2017 è scaricabile da questo link dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro (una novità di cui parleremo).

lunedì 22 maggio 2017

Le slides del seminario più importante di sempre



Dal sito web di ATS Bergamo:

mercoledì 17 maggio 2017

Se undici anni non sono sufficienti

Anno 2006: infortunio mortale in un cantiere in cui è stato omessa la nomina del coordinatore per la sicurezza.
Condannato in primo grado (2011) e in appello, come coordinatore per la sicurezza, il direttore lavori, anche in assenza di nomina.
La Corte di Cassazione (2014) annulla e rinvia alla corte territoriale, che nel 2016 conferma la condanna al direttore lavori perchè, anche se non era coordinatore, avrebbe assunto una posizione di garanzia di fatto.
La Corte di Cassazione, con sentenza n.22296 del 3 maggio 2017, annulla e rinvia nuovamente alla Corte di Appello per un nuovo giudizio, perchè "è mutata la posizione soggettiva del ricorrente, da coordinatore per la sicurezza ad assuntore di fatto della posizione di garanzia nei confronti del lavoratore deceduto. Può conseguentemente ritenersi violato il principio della correlazione tra l'accusa e la sentenza poiché non sono aggiunti [dalla Corte di Appello - ndr] agli elementi di fatto contestati altri estremi di comportamento colposo (nella stessa posizione soggettiva di coordinatore della sicurezza) ma è mutata radicalmente la posizione soggettiva rilevante per tutti i profili di colpa, generica e specifica."

Undici anni non sono bastati, nè per assolvere nè per condannare in modo inoppugnabile. Un essere umano viene stritolato da queste inadeguatezze.
Qualcuno ci rifletta, se è in grado.

lunedì 24 aprile 2017

Il seminario più importante di sempre

http://www.anacilombardia.com/files/EventAttachments/231/SEMINARIO%2027%20APRILE%202017%20-%20PIEGHEVOLE.pdf
clicca per il programma


 Introduzione e moderazione - dott. Giorgio Luzzana, ATS Bergamo

Una alleanza per la prevenzione (la collaborazione tra ATS e ANACI) - dott. Tiziana Vai, ATS Città Metropolitana di Milano

ASIC: una pubblicazione per il mondo condominiale (i lavori nei serbatoi, fosse biologiche, cunicoli e gli obblighi di legge) - dott. Duccio Calderini, ATS Insubria e ing. Nicola Pasta, ATS Bergamo

DVR e DUVRI: il condominio è un'azienda? (la sicurezza nei fabbricati e i documenti obbligatori) - p.i. Giuseppe Ravasio, ATS Bergamo

Il lavoro atipico in condominio (lavori occasionali, somministrazione, global service: i risvolti di sicurezza) - ing. Cristoforo Moretti, Centro Studi ANACI Lombardia

giovedì 6 aprile 2017

Nuvole nere bis

Ancora sconfortati approfondimenti sui voucher e sul vuoto legislativo che è seguito alle scelte disinvolte del nostro legislatore.

giovedì 30 marzo 2017

Nuvole nere

Un approfondimento della Fondazione Consulenti del Lavoro sulle alternative per i "lavoretti" e un articolo sul vuoto normativo per chi i voucher continuerà ad usarli nel transitorio.
Nuvole nere all'orizzonte, fino a quando una nuova uscita legislativa inventerà un nuovo sistema.

giovedì 23 marzo 2017

Occasionali sarete voi

I voucher sono morti di venerdì 17.
Finalmente viene eliminato una forma di lavoro che è stata "lavoro occasionale accessorio" fino al 2013 (cioè quattro anni fa) e dopo ha continuato ad essere chiamata "occasionale" solo per l'incompetenza di molti addetti del settore. Quale settore, domandiamocelo.

venerdì 17 marzo 2017

E i voucher fanno riscoprire il decreto 81


Ci voleva una una lettrice per scrivere sul Corriere della Sera (sezione Economia, non sia mai che i lettori comuni si impressionino) gli adempimenti necessari per la sicurezza quando si diventa datori di lavoro.
Meglio tardi che mai, e probabilmente siamo solo all'inizio.

venerdì 3 marzo 2017

Il certificato di idoneità statica secondo il Regolamento Edilizio di Milano: gli obblighi, i problemi di applicazione, le priorità

di Cristoforo Moretti, ingegnere e milanese



Il nuovo Regolamento Edilizio milanese è entrato in vigore il 26 novembre 2014 ed ha introdotto alcuni obblighi che hanno sollevato perplessità e polemiche. Tra le previsioni più discusse l’obbligo del CIS (il certificato di idoneità statica per gli edifici di oltre cinquanta anni di età), che è tornato di recente alla ribalta per l’approvazione e la diffusione delle linee guida per la sua redazione. Questo documento di indirizzo, presentato il 29 novembre 2016, è stato realizzato in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Milano e presenta la modalità attuativa per le analisi, le eventuali indagini e l’emissione del certificato di idoneità.
Il Comune di Milano si vanta di essere il primo in Italia ad avere introdotto questi controlli, intanto Assoedilizia ha impugnato la norma davanti al TAR.
In queste note si intende illustrare l’obbligo regolamentare, i problemi pratici che si possono riscontrare nell’adempimento, alcune considerazioni sulla necessità di introdurre questo tipo di valutazione a Milano.

venerdì 24 febbraio 2017

Usate solo gli scaffali bassi

"...l’altezza superiore a due metri dal suolo, tale da richiedere le particolari misure di prevenzione prescritte dall’art. 122 del D.Lgs. n. 81/2008, deve essere calcolata in riferimento all’altezza alla quale il lavoro viene eseguito rispetto al terreno sottostante e non al piano di calpestio del lavoratore"

La IV sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza n.39024/2016) ritiene, sbagliandosi, che un lavoro eseguito a oltre 2 metri d'altezza dal pavimento sia un "lavoro in quota".

Spiega tutto questo bell'articolo di puntosicuro.it.


lunedì 20 febbraio 2017

Varese, master di specializzazione

http://www.anacivarese.it/images/pdf/2017/eventi/invito_master_febbraio.pdf 
clicca sul programma per la locandina completa




giovedì 16 febbraio 2017

lunedì 13 febbraio 2017

Le barriere architettoniche nel condominio di nuova costruzione



Perché dovrebbero esserci barriere architettoniche in un edificio di nuova costruzione? Esiste una vecchia legge - la 13 del 1989 - sul superamento e l'eliminazione delle barriere negli stabili privati, il suo regolamento di attuazione - il decreto ministeriale 236 del 1989 - detta disposizioni tecniche da quasi trent'anni e quindi di ostacoli in un condominio appena costruito non dovrebbero esisterne. Eppure…

lunedì 6 febbraio 2017

La chiarezza legislativa (era una bella idea)

C'era una volta il diritto di interpello, che permetteva di chiedere chiarimenti al Ministero del Lavoro in merito all'interpretazione delle leggi in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

La possibilità di interpello esiste ancora, ma quando si cambiano le norme senza considerare le ricadute si rischiano pasticci.

Una breve ma interessante nota sullo stato dell'arte.

lunedì 30 gennaio 2017

Ambienti Sospetti di Inquinamento o Confinati in condominio - il manuale ATS-ANACI




Nasce la collana “Prevenzione in Condominio”, in collaborazione tra ANACI Lombardia e le
Agenzie di Tutela della Salute di Milano Città Metropolitana, Bergamo e Insubria.

Agili manualetti che affrontano, con sintesi ma completezza, i temi fondamentali
della sicurezza in condominio, analizzati dal punto di vista dell’amministratore condominiale
o del proprietario immobiliare. Ogni tema è affrontato sotto forma di domande,
per le quali ANACI e ATS individuano risposte condivise, per una promozione
della prevenzione attenta al mondo del lavoro connesso con la gestione del
patrimonio immobiliare.

Il numero 1: Sette domande su Ambienti Sospetti di Inquinamento o Confinati (ASIC) in condominio.


mercoledì 25 gennaio 2017

I vetri condominiali devono essere infrangibili?




Circa tre anni fa Casa&Territorio ripescò un vecchio contributo da Millescale dal titolo "I vetri condominiali devono essere infrangibili?", modificandolo arbitrariamente qua e là e rendendolo confuso. Ne abbiamo parlato qua.

Siccome ora quell'articolo di Casa&Territorio viene usato a fini commerciali, pare bene ripetere che il pezzo (quello vero, non travisabile) è a pag.37 del numero di settembre 2011 della rivista L'amministratore, edita da ANACI Milano.

Per leggerlo gratis, questo è il pezzo originale.

Volendo invece pagarlo, questo è il link di Casa&Territorio.

martedì 17 gennaio 2017

L'infortunio del subappaltatore non autorizzato

Il committente non risponde dell'infortunio del subappaltatore non autorizzato.
Sentenza n.53346/2016 della quarta sezione penale della Corte di Cassazione.

martedì 27 dicembre 2016

Condominio e DVR - un rapporto malato

Non c’è nessuna intenzione di dare la caccia alle streghe, di dire Questo ha sbagliato o Quello ha diffuso informazioni false. Si vuole solamente riprendere quello che per qualcuno è un eterno dubbio, non per dissiparlo (non c’è bisogno: in materia di condominio solo i profani e i dilettanti possono veramente, oggi, non sapere se e quando il DVR sia obbligatorio ai sensi di legge), ma piuttosto per raccontare una normale storia di condominio, dove la burocrazia e la superficialità sono protagoniste.

venerdì 9 dicembre 2016

Idoneità statica, il Comune di Milano diffonde le linee guida

Qui il comunicato del 29 novembre del Comune di Milano.
Chi abita in edifici di 50 anni o più, ora può iniziare a preoccuparsi seriamente.
Ne parleremo presto.

lunedì 5 dicembre 2016

Cassazione civile: larghezza minima di passaggio nelle parti comuni

"....il restringimento ad 80 cm. della larghezza dell’accesso al detto ballatoio sarebbe comunque inferiore a quanto normativamente previsto e quindi inidoneo per il passaggio di persone diversamente abili (DD.LL.PP. 16 giugno 1989, n. 236).“

Il commento dell'avv. Massimo Ginesi.

mercoledì 30 novembre 2016

La cronaca e gli studi


Ennesimo incidente mortale durante un lavoro in Ambienti Sospetti di Inquinamento o Confinati. Lavori in ASIC sono possibili anche in condominio: è in uscita una guida pratica per questo genere di opere condominiali, tenete d'occhio questo blog.


lunedì 28 novembre 2016

Come scegliere un professionista?


ANACI e CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri) hanno licenziato uno schema per l'affidamento di incarichi professionali a tecnici in condominio. La procedura consiglia, "per un migliore esito", di disporre almeno di 7-8 offerte.
Chi scrive è ingegnere ed anche uomo di associazione, ma ciò non impedisce di affermare che di questo documento, troppo complesso e burocratico per essere davvero utilizzabile in un normale condominio, non si sentiva affatto la mancanza.

giovedì 24 novembre 2016

Voucher e comunicazione entro 60 minuti per i condomini?

I soggetti che, pur in possesso di partita IVA non sono imprenditori (P.A., ambasciate, partiti, associazioni sindacali, ONLUS ecc.) devono effettuare la comunicazione alla DTL competente per territorio?
No. I soggetti indicati e gli altri soggetti che non rientrano nella nozione di imprenditore o professionista non sono tenuti ad effettuare la comunicazione all’Ispettorato nazionale del lavoro, ma provvedere esclusivamente alla dichiarazione di inizio di attività nei confronti dell’INPS.

(tratto dalle FAQ ministeriali - nota n. 21180 del 15 novembre 2016)